Salsa Wasabi Giapponese: forte e piccante

salsa wasabiSalsa Wasabi, la avete mai provata? Certo, non è per tutti visto il suo gusto molto forte. E’, però, un ingrediente essenziale per i diversi tipi di sushi.

Molte persone associano frequentemente la parola wasabi alla famosa salsa verde giapponese. Il wasabi, in realtà, è una pianta, meglio nota come ravanello giapponese. Il nome attribuitogli dalla comunità scientifica è Wasabia japonica.

Oggi, dopo aver parlato della salsa di soia e dello zenzero marinato, parliamo proprio di questa salsa. Questa breve guida vuole portarvi alla scoperta delle proprietà di questa radice piccantissima, fornirvi utili informazioni su come produrla e usarla.

Oltre a questo daremo una risposta a una semplice domanda: come si fa il wasabi?

Ricordate che anche per l’utilizzo della salsa Wasabi ci sono regole di utilizzo e consumo legate alla tradizione. Potete trovarle nel nostro approfondimento su come mangiare il sushi.

Indice dei Contenuti
Come si usa la salsa wasabi?
Wasabi ingredienti
Wasabi ricetta
La differenza con il rafano
Valori nutrizionali
Proprietà benefiche
Controindicazioni

Come si usa la salsa wasabi?

In cucina si usa ogni sua singola parte. Le foglie arricchiscono le insalate mentre le radici vengono grattugiate direttamente sugli alimenti o impiegate per preparare l’omonima salsa piccante giapponese. Questa è anche nota come Namida (lacrima) perché il suo consumo induca una forte lacrimazione.

Nei ristoranti il wasabi accompagna diverse pietanze e tra queste vi sono il sushi, il sashimi e la tempura.

Esistono, in realtà, due diverse varianti di salsa wasabi. La Daruma è mediamente forte e più scura. Al contrario la Mazuma, meno diffusa nel nostro Paese, ha un sapore molto più intenso.

In diversi punti vendita è possibile acquistare il wasabi in polvere o in pratici tubetti. Il primo viene lavorato con un terzo d’acqua e una punta di aceto fino alla consistenza desiderata. Il secondo è già pronto per l’uso.

Le foglie essiccate di Wasabia japonica sono, infine, utilizzate per aromatizzare il pane e i formaggi. In Giappone con esse vengono, infine, realizzati un vino e un liquore decisamente forte.

Wasabi ingredienti

La nota salsa giapponese verde può essere cucinata in diversi modi. Servono radice o polvere di wasabi, acqua e olio di oliva. Per completare la preparazione è indispensabile munirsi di una grattuggia.

La tradizione vuole che nel paese del Sol levante si impieghi l’oroshigane, un utensile con superficie abrasiva in pelle di squalo.

Wasabi ricetta

Di seguito due ricette differenti per il wasabi.

  • Primo metodo. Pulire una radice fresca rimuovendo le foglie, lavarla accuratamente e lasciarla asciugare. Gratuggiarla finemente in un contenitore e servirla dopo un paio di minuti;
  • Secondo metodo. Combinare in parti uguali polvere di wasabi e acqua, mescolare fino a ottenere un composto omogeneo dalla giusta densità.

La salsa wasabi ha una durata relativamente breve. Con il trascorrere del tempo il suo sapore originale va a scemare. Aggiungere una piccola quantità d’olio, mischiare delicatamente, riporre in un contenitore chiuso ermeticamente e conservate in frigorifero.

La differenza con il rafano

Wasabi e rafano appartengono alla stessa famiglia botanica. Sono, però, due cose diverse a partire dal colore. Il wasabi è verde mentre il rafano assume tonalità differenti a seconda della varietà . In particolare il rafano giapponese è verde brillante, mentre quello italiano è marrone chiaro.

Entrambi sono, però, radici piccanti e vengono impiegati in cucina per preparare gustose salse.

Valori nutrizionali

La salsa wasabi, realizzata con pochi e semplici ingredienti, fornisce un apporto calorico di circa 110 kcal ogni 100 grammi.

Al suo interno si riscontrano, inoltre, importanti dosi di calcio, potassio, ferro, magnesio, vitamine A, C e del gruppo B. Di seguito la tabella con i valori nutrizionali.

Valori Nutrizionaliper 100 gr
Calorie110 circa
Proteine4,8 gr
Carboidrati23,5 gr
Grassi0,63 gr
Fibre7,8 gr
Acqua69,11 gr

Proprietà benefiche

Il wasabi è un vero e proprio toccasana per l’organismo. Una sorta di medicina naturale ed i benefici sono molteplici.

Vediamo quali sono.

  • Alleato del sistema cardiovascolare: abbassa i valori di colesterolo nel sangue;
  • Potente antibatterico. Ostacola, tra le altre cose, la proliferazione dei batteri nel cavo orale;
  • Eccellente antisettico;
  • Azione balsamica: è l’ideale in caso di affezioni respiratorie;
  • Potere afrodisiaco;
  • Depura l’organismo favorendo l’eliminazione delle tossine;

Controindicazioni

La salsa di wasabi deve sempre essere assunta in piccole dosi, non soltanto per il sapore intenso.

Al suo interno, infatti, presenta una tossina che può avere effetti negativi sul fegato. Se assunta in quantità eccessive potrebbe non essere “elaborata” dal fegato creando possibili problemi per la salute.

Inserisci il tuo commento

Sono Alessandro e non sono un “normale” appassionato di Sushi, anzi (devo essere sincero!) all’inizio odiavo il Sushi. Proprio così, il suo sapore proprio non mi convinceva. Questo almeno all’inizio. Perchè se l’amore per il Sushi non è nato fin da subito quando è “esploso” non mi ha più abbandonato. Da quel momento ho voluto sperimentare i diversi sapori della tradizione giapponese (non soltanto legati al Sushi!) e soprattutto ho sempre più desiderato di preparlo con le mie mani. Per questo motivo negli ultimi anni mi sono messo alla ricerca dei migliori blog per provare ricette da fare a casa. Ho affinato la mia tecnica e di certo ho ancora molto da imparare! Ho deciso di aprire Sushiacasa per condividere tutto quanto ho imparato! Oltre a questo ho aperto il gruppo Facebook “Io Faccio Sushi!” con un obiettivo ambizioso quanto semplice: creare il gruppo di appassionati sushi più grande in Italia! Condivido i contenuti del sito anche sulla pagina FB ufficiale “Sushiacasa.it”.