Nigiri sushi: ingredienti e preparazione

nigiri sushiNigiri sushi, senza dubbio li avrete provati (e se non è ancora così è il momento di farlo!).

Per quanto ci riguarda tra i diversi tipi di sushi sono tra quelli che preferiamo. Sono semplici e dal gusto molto intenso.

Se scegliete ingredienti di qualità, a partire dal riso per sushi, il risultato sarà davvero ottimo.

Pensate che proprio i nigiri sono tra i più anticipi nella tradizione giapponese. La loro creazione, infatti, risale alla nascita del sushi ed è opera di Hanaya Yohei nel 19esimo secolo.

Sono arrivati fino ai giorni nostri e la loro diffusione è sempre maggiore. Sono, infatti, tra i più apprezzati anche nei ristoranti giapponesi in Italia.

Oggi parliamo proprio dei sushi nigiri. Approfondiamo cosa sono, quale pesce utilizza e come prepararli a casa.

Indice dei Contenuti
Nigiri Sushi: palline di riso giapponesi
Per chi sono adatti?
Quali tipi di Nigiri?
Preparare nigiri a casa
Video: la tecnica da imparare
Le ricette di Sushiacasa per i Nigiri

Nigiri Sushi: palline di riso giapponesi

Come abbiamo spesso detto l’estetica nella cultura del sushi è parte molto importante. I nigiri non fanno certo eccezione pur nella loro estrema semplicità.

Si presentano come piccole palline di riso giapponesi con sottili fettine di pesce appoggiate sopra. Il riso è modellato con le mani in modo da essere base perfetta per il condimento.

Esistono, come vedremo tra poco, anche nigiri vegetariani per chi preferisce non mangiare pesce crudo. Il termine giapponese generico per far riferimento al condimento del sushi (sia esso pesce o vegetariano) è neta.

La caratteristica distintiva è che hanno un solo condimento, come gli Hosomaki ed a differenza di Gunkan Sushi, Temaki, Futomaki e California Roll.

Solitamente non hanno l’alga nori, ad eccezione dei casi in cui una piccola striscia di alga lega il pesce al riso. Come sempre sono serviti con salsa di soia, e possono essere conditi con salsa wasabi.

Per chi sono adatti?

Per tutti coloro che sono alle prime “esperienze” con il sushi. Il sapore, infatti, è molto delicato. L’assenza dell’alga, inoltre, può rendere il primo approccio più semplice.

Sono perfetti anche per chi vuole iniziare a preparare sushi a casa. Modellare la base di riso non è operazione complessa, così come tagliare il pesce in piccole fettine.

Come sempre ricordate che devono avere dimensioni tali da essere mangiati in un solo boccone. Non è educato, per la tradizione giapponese, spezzare il sushi in più pezzi per mangiarlo.

Quali tipi di Nigiri?

nigiri salmoneNonostante la sua semplicità troverete diversi tipi di nigiri sushi. La prima variante è in base al pesce utilizzato.

Vediamo quali sono.

  • Salmone. Può essere sia salmone crudo che appena scottato. Senza dubbio è la variante più diffusa ed anche in linea con i gusti occidentali. Vi consigliamo, quindi, di partire proprio da qua;
  • Tonno. Nonostante siamo abituati a mangiare il tonno qua il gusto è decisamente diverso. A seconda della qualità utilizzata può essere, infatti, molto forte. Come quelli con salmone anche la variante con tonno è particolarmente diffusa in Italia;
  • Coda di gambero. Il gambero è cotto, e ottimo per chi si sta avvicinando al sushi. Ha un suo nome specifico, si chiama Nigiri Ebi;
  • Polpo. Si utilizza scottato, e viene posizionato spesso sul riso legandolo con alga nori;
  • Dentice. Pesce molto utilizzato nella cucina giapponese, meno diffuso in Italia (dove si preferisce branzino o spigola);
  • Calamaro. Non molto diffuso nei ristoranti in Italia, non vi capiterà spesso di assaggiarlo;
  • Anguilla. Sia di mare che di acqua dolce. Il piccolo pezzo di anguilla viene solitamente legato al riso con alga nori. Come per il calamaro anche questo tipo di nigiri sushi non è particolarmente diffuso in Italia;
  • Pesce palla. Questo davvero non lo troverete mai nei comuni all you can eat. Anzi, potrete trovarlo solo e soltanto nei ristoranti di fascia alta che rispecchiano la tradizione giapponese. La preparazione del pesce palla è particolarmente complessa. Questo perchè può risultare addirittura fatale per l’uomo;
  • Nigiri con Tamagoyaki. Ecco la versione vegetariana, realizzato con la frittatina tipica giapponese (che spesso viene abbinata al sushi). Davvero molto buono, vi consigliamo di provarlo.

Preparare nigiri a casa

nigiri a casaVolete preparare i nigiri sushi a casa? Niente di più semplice e divertente.

Vi spieghiamo la tecnica da utilizzare. Non preoccupatevi se il risultato non sarà ottimo le prime volte. L’estetica del nigiri migliora soltanto prendendo sempre più manualità.

  1. Tagliate il pesce in piccole strisce di qualche millimetro. Ricordate sempre di tagliarlo in perpendicolare alle venature della carne;
  2. Versate 2 cucchiai circa di aceto di riso in una piccola ciotola d’acqua. Inumidite le dita ed il palma della mano sinistra per evitare che il riso si attacchi. Questo passaggio è importante per poter formare le piccole polpettine di riso giapponesi che sono costituiscono la base di nigiri sushi;
  3. Per ogni pezzo prendete circa 25 grammi di riso (altrimenti verrà troppo grande e non riuscirete a mangiarlo in un solo boccone!);
  4. Con la mano destra create la polpettina di riso con la forma classica del sushi nigiri. Premete leggermente il riso in modo che questo possa attaccarsi. Attenzione, però, a non pressarlo troppo altrimenti diventerà molto duro;
  5. Sul palmo della mano sinistra appoggiate la striscia di pesce, stringendo l’estremità tra pollice e indice. Con l’indice della mano destra (che in questo caso è libera) passate una piccola striscia di salsa wasabi al centro della fettina che tenete nella sinistra (potete evitare questo passaggio se non sopportate il wasabi);
  6. Appoggiate il riso sulla fettina di pesce, facendo una leggera pressione in modo che i due componenti si adattino bene tra loro;
  7. Adesso dovete creare il nigiri nella sua forma tradizionale. La fettina di pesce ed il riso si trovano entrambi nella mano sinistra. Con due dita della destra premete il pesce verso il basso. A questo punto dovete ruotare riso e fettina di pesce premendo contemporaneamente con due dita per ottenere la forma tondeggiante.

Come capirete importante è acquisire la manualità necessaria a creare la polpettina di riso dalla forma tondeggiante.

Per il nigiri vegetariano il procedimento è lo stesso. Dovrete, però, imparare a “legare” la frittatina giapponese con l’alga nori.

Video: la tecnica da imparare

Uno dei migliori modi per prendere confidenza con la tecnica per fare i nigiri è seguire uno dei tanti video tutorial disponibili su YouTube. Sono molti quelli a disposizione ma, per non farvi perdere tempo, abbiamo selezionato per voi il migliore.

I passaggi sono spiegati in modo estremamente chiaro, ed il video è in lingua italiana.

Le ricette di Sushiacasa per i Nigiri

Su Sushiacasa potete trovare una sezione dedicata alle ricette sushi da fare a casa. Una selezione delle migliori, adatte a tutti i livelli e gusti.

Queste quelle che potete già trovare per i Nigiri:

Ricordate di iscrivervi al gruppo privato Facebook Io Faccio Sushi per condividere foto e video del sushi che preparate con le vostre mani, oltre a incontrare appassionati di sushi con cui scambiare ricette e consigli.

Se volete provare altri tipi a casa scoprite i nostri approfondimenti, per entrare a fondo nel mondo del sushi:

Inserisci il tuo commento

Sono Alessandro e non sono un “normale” appassionato di Sushi, anzi (devo essere sincero!) all’inizio odiavo il Sushi. Proprio così, il suo sapore proprio non mi convinceva. Questo almeno all’inizio. Perchè se l’amore per il Sushi non è nato fin da subito quando è “esploso” non mi ha più abbandonato. Da quel momento ho voluto sperimentare i diversi sapori della tradizione giapponese (non soltanto legati al Sushi!) e soprattutto ho sempre più desiderato di preparlo con le mie mani. Per questo motivo negli ultimi anni mi sono messo alla ricerca dei migliori blog per provare ricette da fare a casa. Ho affinato la mia tecnica e di certo ho ancora molto da imparare! Ho deciso di aprire Sushiacasa per condividere tutto quanto ho imparato! Oltre a questo ho aperto il gruppo Facebook “Io Faccio Sushi!” con un obiettivo ambizioso quanto semplice: creare il gruppo di appassionati sushi più grande in Italia! Condivido i contenuti del sito anche sulla pagina FB ufficiale “Sushiacasa.it”.